Reverse gear.

 

 

Oggi compio 55 anni, sono nato l’undici Maggio 1962. Gli anni sessanta, forse il più bel periodo del nostro paese. Entusiasmo, voglia di fare, opportunità crescenti in tutti i campi e la gente si divertiva tanto e con poco, a volte bastava un mangiadischi con Edoardo Vianello che cantava. In quel periodo, per contro,  sono sempre di più gli Italiani che scendono nelle piazze per manifestare i loro ideali politici ed esprimere il proprio dissenso fino al ’68, caratterizzato dalle contestazioni giovanili e da una vera e propria rivoluzione culturale. Anni “frizzanti”.  Purtroppo è un periodo che ho vissuto solo marginalmente perché ero troppo piccolo ed allora sono andato a curiosare in quello che accadeva nel 1962 ed in particolare l’undici Maggio:

Io sono nato alle 15.30 a Villa Contarini, clinica privata di Rimini per la gioia di mamma Irene e papà Mario al loro terzo figlio su quattro.

Wikipedia riporta tra i personaggi nati l’11 Maggio 1962:

Grega Benedik, ex sciatore alpino jugoslavo

Steve Bono, ex giocatore di football americano statunitense

Luca Drudi, pilota automobilistico italiano

Pete Johansen, violinista norvegese

Georgi Mladenov, ex cestista e allenatore di pallacanestro bulgaro

Johanna Nurmimaa, attrice, cantante e doppiatrice finlandese

Paolo Viacava, velista italiano

Proprio in quel giorno avveniva il giuramento del Presidente della Repubblica entrante: Antonio Segni che succede a Giovanni Gronchi.

Primi vagiti ed intanto si corre a Silverstone. BRDC International Trophy F.1 non valida per il mondiale: Pole e vittoria per Graham Hill su BRM,  seguito da Clark e Surtees . Unico italiano Nino Vaccarella (Lotus Climax) ritirato per rottura del motore.

Auto Italiana esce in edicola e riporta i consigli di guida di Paul Frère che conoscerò personalmente a Le Mans esattamente 40 anni dopo. Sono riuscito a comprare proprio quel numero…

Vittorio Brambilla vince in kart al circuito cittadino di Cesenatico nella classe 100 con il motore Saetta

Sempre a Cesenatico Jo Siffert vince la gara delle Formula junior al volante di una Lotus 22.

In un articolo pubblicato dal quotidiano la stampa l’undici Maggio, l’automobilismo appare tra gli sport più indicati per le donne.

Il 13 Maggio Teodoro Zeccoli vince la classe con una Fiat abath 700 ( sesto assoluto)  al Berlin Sports Car Grand Prix di Berlino.

Il 13 Maggio, nella mia scia, nasce il Conad (consorzio nazionale dettaglianti) attualmente oltre 3.000 punti vendita

Papa Giovanni XXIII scomunica Fidel Castro, leader cubano. (Gennaio)

Sempre con una Abarth ma 1000cc Ludovico Scarfiotti si aggiudicava  la gara valida per il campionato  costruttori al circuito del Garda il primo di Maggio.

11 giugno : Frank Morris, John Anglin e Clarence Anglin evadono dalla prigione di Alcatraz; dichiarati affogati nella baia di San Francisco, i loro corpi non verranno più ritrovati.

Alla 24h di Le Mans, vince la Ferrari 330 TRi guidata da Gendebien/Hill. Primi italiani al traguardo: Giancarlo Sala e Marcello De Luca di Lizzano con una Alfa Romeo Giulietta Zagato della Scuderia Sant’Ambroeus. Decimi assoluti (secondi di classe 1.3)

Agosto L’attrice Marilyn Monroe viene trovata morta nella sua casa a Brentwood, a Los Angeles, per presunta overdose

Qualche giorno dopo la scomparsa di Marilyn, in Inghilterra al “Cavern”, un piccolo locale di Liverpool, inizia la straordinaria avventura di quattro ragazzi che avrebbero cambiato per sempre la storia della musica entrando nella leggenda: I “Beatles”.  “Love me do” il loro primo singolo.

Viene introdotta la 3 ore di Daytona nel calendario del campionato del mondo sport prototipi. Vince Dan Gurney (Lotus Climax sport) seguito da Phil Hill/Ricardo Rodriguez ( Ferrari Dino 246  Sport Prototipo). Unico italiano al via: Guido Lollobrigida ventiduesimo con una Maserati 200 SI sport.  La gara si trasformerà nel 1966 nella conosciuta 24 ore di Daytona diventando una delle classiche endurance di maggior prestigio.

Nel 1962 il segnale TV raggiunge il 97% degli italiani ed il televisore è nelle case di moltissime famiglie. E’ appena nata RAI2.  Avviene la prima diretta televisiva con l’ America. La Presidenza del Consiglio dei Ministri affida alla RAI la produzione dei notiziari e servizi informativi per l’estero.

Enzo Biagi lancia il programma “Rotocalco televisivo” che abbandonerà dopo solo un anno per le troppe pressioni politiche.

Alla radio suonano “Addio Addio” di Domenico Modugno vincitore di Sanremo anche se avrà maggior successo  “Quando quando quando” di Tony Renis che poi vincerà Canzonissima, il grande show abbinato alla lotteria Italia.

Canzonissima sarà ,croce e delizia del duo Fo-Rame a cui la RAI affida la conduzione nel 1962. Al piccolo schermo i due artisti devono la grande notorietà, ma anche polemiche e denunce a non finire. Emblematico quanto avviene proprio in quell’anno. Sarà la prima volta che in Tv si parlerà di mafia, morti bianche e scioperi. Un caso nazionale, conclusosi con la richiesta dell’azienda di tagliare gli sketch più scomodi. Fo si opporrà, la trasmissione verrà sospesa e ne nascerà una causa milionaria. E soprattutto il bando assoluto dalla televisione pubblica: per ben 16 anni i nomi di Fo e Rame non verranno pronunciati sul piccolo schermo. C’era una volta la censura.

Per soddisfare le crescenti richieste dei clienti sportivi, nasce nel 1962 la Ferrari 250 GTO che per diversi anni ha mietuto successi sui circuiti di tutto il mondo.. Il progetto inizia con l’ing. Giotto Bizzarrini, poi allontanato da Enzo Ferrari per divergenze di vedute, successivamente  portato a termine da Forghieri e Scaglietti.  Trentasei esemplari costruiti, ad oggi ha una quotazione che supera i 50 milioni di euro.

Comunque il 1962 ci ha consegnato altre indimenticabili automobili come l’Alfa Romeo Giulia, l’Alpine Renault A110, la BMW 1500, la Ford Thunderbird, la Lotus Elan, la MG B, la Shelby Cobra la Triumph Spitfire.

Primo film con censura e vietato ai 18: La Monaca di Monza (storico) sceneggiatura di Lucia Drudi (non siamo parenti)

Raymond Debono proveniente da Malta vince la quarta edizione dello Zecchino D’oro diretto da Mariele Ventre, presentatore il Mago Zurlì (Cino Tortorella recentemente scomparso) con la canzone “la giacca rotta”. Debono morirà a causa della tossicodipendenza nel 1984.

Al Cinema spopola Totò con ben 7 film.

Lorenzo Bandini incomincia a farsi conoscere in F.1 e viene inaugurato l’autodromo di Vallelunga con lunghezza raddoppiata. L’autodromo capitolino nacque nel 1951 ed era un ovale.

Targa Florio (6 Maggio) Doppietta Ferrari: Vittoria per Mairesse/Rodriguez/ Gendebien (Dino 246SP)

secondi  assoluti e vincitori della classe prototipi: Baghetti/Bandini (Dino 196SP).

Nelle gare GT continuano ad imperversare le Ferrari 250 GTO . Nel challenge mondiale vince la Ferrari davanti alla Porsche . Nel campionato costruttori  si distingue l’Abarth che domina nelle classi di minor cilindrata primeggiando in 4 diverse divisioni. Per la Ferrari, vittoria in due divisioni +2000 e 3000 cc mentre si distinguono anche le case italiane Lancia ed Alfa Romeo che vincono una divisione ciascuna. Tra i piloti italiani più in evidenza: Ludovico Scarfiotti

Nel campionato italiano di Formula Junior vince Giacomo “GEKI” Russo che verso fine stagione trova la svolta vincente mettendosi al volante di una De Sanctis. Purtroppo anche lui troverà la morte, come Bandini (Montecarlo), nel 1967 in quella che fu definita la tragedia di Caserta nella gara di F.3.  Da segnalare tra i piloti a punti nel 1962 il recentemente scomparso Mario Poltronieri. Sicuramente il campionato italiano era il più competitivo e ricco di partecipanti tra quelli che si disputavano nei vari paesi europei e non.

Il 1962 è l’anno de “il sorpasso”, film diretto da Dino Risi magistralmente interpretato da un esuberante Vittorio Gassman.

In quell’anno vince il campionato italiano assoluto di velocità, Giancarlo Baghetti che corre come pilota ufficiale Ferrari in Formula 1 e prototipi  anche se non ebbe una stagione tanto brillante. Migliori risultati un quarto posto al GP d’Olanda ed un secondo posto alla targa Florio. Baghetti stupì l’anno precedente  vincendo al debutto in F.1. con una Ferrari privata.

Tra le nuove mode dilaga il “twist”, un nuovo modo di ballare dimenando il corpo che scandalizza subito i moralisti. “Let’s twist again” di Peppino di Capri e “guarda come dondolo”di Edoardo Vianello diventano le canzoni simbolo di questa nuova tendenza.

Il campionato mondiale di Formula 1 ( tredicesima edizione) vede la vittoria di Graham Hill con la BRM . Incomincia a mettersi in luce Lorenzo Bandini (Ferrari) che ottiene un terzo posto al GP di Monaco, circuito che  gli costerà la vita nel 1967   quando ne inseguiva la vittoria. Nel 1962 Bandini ottenne altri brillanti risultati in gare di F.1 non valide per il campionato del mondo, compresa la vittoria al GP del mediterraneo a Pergusa davanti a Baghetti.

Novembre Esce in edicola il primo numero del fumetto Diabolik.

Nel motomondiale i vincitori sono: classe 50 Ernst Degner (Suzuki), classe 125 Luigi Taveri (Honda), classe 250 e 350 Jim Redman (Honda), classe 500 Mike Hailwood (MV Agusta).

Grazie a tutti per gli auguri!

 

Dru

 

 

 

 

 

Autore dell'articolo: Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.